LO SCHELETRO

8b072d4f47fa16702f8c7356d2c88ee8_l

Cerchi svuotati d’essenza assumono traiettorie rapide
nella stanza della coscienza invaghita da figure impeccabili
nelle corporature eccellenti
modelli da imitare in quei fragili pensieri
protagonisti d’un mito ossessivo e perturbante
scava a forza nelle tempie delineando profondi solchi
ove s’insedia una sfinge al di sopra del cuore
infatuata d’un ideale filiforme assai attraente

Nemico il cibo assume toni ributtanti e disgustosi
l’immagine specchiata va oltre la misura del giudizio
osa accanirsi vorace imponendo diete estenuanti
nella figura che diviene scarna fino al delirio
e i muscoli inesistenti divorano sé stessi
in quella brama assoluta di proiezione insana
d’uno scheletro che maneggi le redini dell’anima

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati

Annunci

14 comments

  1. Fa male leggere questi versi –chissà se potesse leggerli chi è dentro a questo tunnel, forse – forse, lo ribadisco, farebbe ancora in tempo a tornare indietro, forse ne avrebbe paura del futuro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...