A P I C E

0ac45c5490a6cbc6762af5c155c0f01e

Dondolo

lievemente

sull’incorporeo rumore della notte

indagando

su morbide lagune del pensiero

Traggo dolci matrici giovanili

dipinte di platonici petali

antagonisti

d’un ardente apice sensuale

levigato di maturità amorosa

@Silvia De Angelis

Video della poesia “Apice”

Annunci

11 comments

  1. Nel leggerla mi sono sentito cullare dall’incorporeo rumore della notte, suoni che arrivano soffusi e fanno emergere ricordi e speranze. L’apice sensuale è uno di questi ricordi, tra i tanti, e vedo il desiderio cresciuto nel tempo ma sopito per miei errori. Bellissima la chiusura, per me una grande speranza, sulla levigata maturità amorosa. Notevole, carissima Silvia. Ti auguro di passare una buona serata.

    Mi piace

  2. mi piace
    ‘Traggo dolci matrici giovanili

    dipinte di platonici petali

    antagonisti

    d’un ardente apice sensuale

    levigato di maturità amorosa’

    lento e lieve il movimento dei versi come conviene alla passione da consumarsi con lentezza.
    Serena serata
    Gian Paolo

    Mi piace

  3. Anche se nella parte finale si può dedurre qualcosa di piacevole, riesco a vedere nei primi versi qualcosa che corrode, che fa male – qualcosa che vuole prendere il volo onde allontanare quanto non gradito.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...