AL FIGLIO

mamma-abbandona-figli

Sbiadisce

la distanza  agli occhi

ravvicinati da un pulpito irreprensibile

Evoluto

nella supremazia d’amore

fa d’incenso la tua voce

dolcissima

in quell’evasione di nebbia fitta

che superi rumori adolescenziali

 scivolati oltre l’angolo della stanza

@Silvia De Angelis

Annunci

8 comments

  1. Un essere vicini dei genitori ai figli per far capire i veri valori della vita, specie, durante l’adolescenza che, spesso crea screzio fra i giovani e gli adulti per le prime divergenze giovanili. Versi molto belli e molto veri rispecchianti la realta. Vivi una bella settimana carissima!

    Mi piace

  2. Dammi un figlio, Signore,
    che sia abbastanza forte
    da riconoscere la sua debolezza
    e abbastanza coraggioso
    da affrontare se stesso davanti alla paura.
    Dagli la forza di restare in piedi,
    dopo una sconfitta onorevole,
    così come la forza di restare umile
    e semplice dopo la vittoria.
    Dammi un figlio, Signore,
    in cui i desideri non rimpiazzino le azioni,
    un figlio che conosca Te e sappia
    conoscere se stesso.
    Fa che percorra, Te ne prego,
    non il sentiero dell’agiatezza
    e della comodità,
    ma quello dello sforzo e della sfida
    nella lotta contro le difficoltà.
    Insegnagli a tenersi dritto nella tempesta,
    ma ad avere comprensione per coloro
    che sono deboli.
    Dammi un figlio che abbia un cuore puro
    e un ideale elevato,
    un figlio che sappia dominarsi prima
    di voler dominare gli altri,
    un figlio che sappia ridere
    senza dimenticare come si fa a piangere,
    che avanzi verso il futuro senza dimenticarsi il passato.
    E dopo tutto questo Signore,
    dagli, Te ne prego, il senso dell’umorismo,
    così che viva con serietà, ma sappia
    guardare se stesso senza mai prendersi
    troppo sul serio.
    Dagli l’umiltà che gli ricordi sempre
    la semplicità della vera grandezza,
    l’apertura di spirito della vera sapienza,
    e la dolcezza della vera forza.
    E allora io, suo padre, potrò mormorare.
    “Non ho vissuto invano”.
    Da “preghiera per mio figlio”, Douglas MacArthur
    TESTO IN ITALIANO ED INGLESE
    TEXT IN ITALIAN AND ENGLISH
    They give a son, Gentleman to me, that or enough hard to recognize its weakness and enough brave to face if same in front of the fear. From the force to remain in feet, after a honorable defeat, thus like the force to remain humble and simple after the Victoria. They give a son, Gentleman to me, in which desires they do not replace the actions, a son who knows You and knows to know if same. It makes that he covers, I pray some to You, not the path of the comfort and of the comfort, but that one of the effort and the challenge in the fight against the difficulties. Insegnagli to keep itself straight in the storm, but to having understanding for those people that they are weak people. They give a son to me who has a pure heart and an elevated ideal, a son whom he knows to control itself before of wanting to dominate the others, a son whom he knows to laugh without to forget like it makes yourself to cry, that remainders towards the future without to forget the past. And after all this Gentleman, from, I pray some to You, the sense of the humour, thus that it lives with seriousness, but knows to watch if same without never to take itself too much seriously. From humilities that the memories always the semplicità of the true largeness, the opening of spirit of the true wisdom, and the dolcezza of the true force. And then I, its father, will be able to murmur. “I have not lived invano”. From “prayer for my son”, Douglas MacArthur

    Liked by 1 persona

  3. Quando si parla di figli, tutto assume un colorito speciale – solo chi è genitore può comprendere quel passaggio che, come un viadotto, rende il percorrere della vita una strada ad ostacoli, ma dobbiamo sempre trovare la forza di emergere per il loro bene – i frutti non tarderanno a venire.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...