LA PENOMBRA

malinconia_5

Sono dentro un inquieto mare

volteggiante complici correnti

d’antiche stagioni

E in quella memore deriva

cedo al plagio

d’un’accesa interferenza amorosa

La lingua

dipinge ora

malanconici spasmi della notte

quando ci si rubava il fiato

nell’attesa

che un altro orgasmo

velasse

la penombra del distacco

@Silvia De Angelis

Annunci

8 comments

  1. Mi vengono in mente giorni lontani, la poesia mi suscita giochi d’amore indimenticabili. Un altro orgasmo velasse la penombra del distacco: verso (come tutta la lirica) di grande qualità e raffinatezza. Complimenti cara Silvia

    Mi piace

  2. Sotto sotto – un incedere di momenti che tornano in auge e con i quali vorremmo poter rivivere, anche se spesso ci voltiamo da un’altra parte.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...