MAI DIMENTICATO

arisa-nuovo-video-1024x526

A fiato sospeso

godo d’intermittenze raddolcite

che riguardano

il tuo essere uomo

Sensazioni tattili

evanescenti e indimenticabili

nella complicità

d’un nostro chiaroscuro

provocante e struggente

mai dimenticato

@Silvia De Angelis

Annunci

CAMBIA IL PENSIERO

DONNA ESOTICA4

Occhi aperti

nelle sere che accadono

inclinate sui vertici del pensiero

Si fa strada

su orizzonti di nebbia

nella stagione avanzata

occludente la realtà dal sogno

E’ lì che s’ingrandiscono

trasparenze cieche

modulate in profonde osservazioni

ove scorie giovanili

disciolte

lasciano il senso

ad ampliati confini

@Silvia De Angelis

FUORI DALLA NOTTE NERA

quarto di luna

Si amplificano

fogge e geometrie

addensando la percezione

d’ogni gamma di colore

Vibra la profonda essenza

d’un talento esasperato

disarcionando

per l’occasione

antiche remore

Si cattura la forza della vita

estrapolandone la gestualità

allorchè sfiori

quel senso sinuoso delle membra

fuori dal silenzio

della notte nera

@Silvia De Angelis

Video della poesia “Fuori dalla notte nera”

ER PIANTO GRECO

pappagallo-in-gabbia

 ‘A sora Laura ‘na sera s’era ‘m’briacata

pe’ mette da parte ‘o scompenzo d’amore

che je bolliva drento pe’ esse stata abbandonata

E mentre piagneva e se disperava a più nun posso

er pappagallo che teneva a casa

je rifaceva er verzo.

Istizzita da quer vocìo stridulo

decide de lamentasse a voce bassa

pe’ evità l’immitazzione

che je faveca proprio girà li cojoni

Così quell’animale dopo essese azzittito pe’ ‘n’po’

ripja fitto fitto er cicaleccio e je dice:

ah bella è inudile che raji a bassa voce

tanto er zomaro da quella recchia nun ce vo’ sentì!

TRADUZIONE

IL PIANTO GRECO

La signora Laura una sera si era ubriacata

per mettere da parte il dolore d’amore

che la faceva star male, dopo l’abbandono

E mentre piangeva e si disperava a più non posso

il pappagallo che aveva in casa

le rifaceva il verso.

Innervosita da quel vocìo stridulo

decide di lamentarsi a voce bassa

per evitare l’imitazione

che la innervosiva

Così la bestiola dopo essersi ammutolito per un po’

riprende fitto fitto il cicaleccio e le dice

cara è inutile che ragli a bassa voce

tanto il somaro da quell’orecchia non vuole sentire!

@Silvia De Angelis

 

SI FA QUASI AFFRESCO…

donna cielo87

Si fa quasi affresco

quel pensiero battente

a cui voler apportare

gamme chiassose di colori

e chiaroscuri

privandolo d’ottuse discromie

Eppure la giusta aspirazione

sarebbe accantonarlo

tuffandosi in un che d’azzurro

dando

rinnovato talento ed estrosità

a  spigolosa geometria della mente

che diventi vaporosa

@Silvia De Angelis

ER SOGNO

 bolla_anodizzazione_titanio

E quanno er zole

nun riesce più a scardatte

perché er gelo de ‘a notte

t’ha acchiappato l’anima

te giri e te rigiri

su te stesso

pe’ trovà ‘na soluzzione

che te ridia er soriso

A dì ‘a verità

si te guardi ‘ntorno

so’ poche ‘e cose

che te riaggiusteno er cervello

ma tu capoccione

sai che ‘a vita è ‘na bolla de sapone

perciò te ‘a rimiri

‘mmagginando

che mamma e papà

pe’ mano

te porteno  ancora a vedè

‘e marionette ar Pincio

TRADUZIONE

IL SOGNO

Quando il sole

non riesce più a scaldarti

perché il gelo della notte

t’ha presol’anima

ti giri e ti rigiri su te stesso

per trovare una soluzione

che ti ridia il sorriso

A dire il vero

quando ti guardi intorno

sono poche le cose

che ti rasserenano

ma tu testardo

sai che la vita è una bolla di sapone

perciò la guardi

immaginando

che tua madre e tuo padre

per mano

ti portino ancora a vedere

le marionette al Pincio

@Silvia De Angelis

 

PASSI D’AUTUNNO

27cf3b362754559951e90d1416ecf33f

Lievi e sobri ventagli

d’ossidate foglie

planano

come tremule farfalle

in quel di ruvido asfalto

calpestato d’oscuri mantelli

E in quell’andare

annegato

sulle sponde d’ancestrali sguardi

s’aprono gemiti d’alberi

imploranti sillabe di verde

a un cielo

che dà in pegno occhi d’azzurro

in cambio di tralci odorosi

sfuggenti dalle dita

@Silvia De Angelis

Video della poesia “Passi d’autunno”