IL PLESSO

  Al centro d’un plesso si rarefanno memorie oscure predoni dell’argilla del pensiero Si calcano nuove risacche spumeggianti e prive di piombi nel loro cadenzare con dolcezza l’allusione d’un prezioso teorema di gioia @Silvia De Angelis agosto 2018

OLTRE LA SOGLIA

lasciarsi andare da un ramo precipitando in una inaudita sensazione di dolce voluttà volare nell’ossigeno libero… senza peso fluttuando nel vuoto sembra dolcemente fasciare nelle sue spire vellutate dai contorni che emanano ebbrezze al sapore di melograno ora come una piuma di seta si accarezzano le avvolgenze di quell’astrusa quanto impalpabile dimensione coinvolge in un’eterea…

TACIUTE PAROLE

Frantumo il percorso consueto lasciando ovunque morbide schegge d’un’aritmia dolce e vitale Ho il fiato corto e la convinzione d’accese  smanie tra le mani Lieve scolpisci surrogati d’istinto con labbra fresche odorose d’autunno Mi sei addosso pacato nella voce Parli alla mia pelle che miete grano col  desiderio di slacciare rimorsi dalla bocca ebbra di…

ALBA INSOLENTE

Si dilatano nella rarefazione d’un tulle nero visioni centrifugate dalla stiva più appartata E in quel profanare curve di vero aspirato si inventi un’irrealtà d’argilla su cui posare passi in grado d’attenuare brusche parzialità d’alba insolente @Silvia De Angelis 2012

TENUE MALINCONIA

Misconosciute risalite del profondo scucite in controluce lasciano trapelare morbide remote argille rimodellate in un presente dall’aria stremata Inutili velleità inchiodano calcati passi mossi da una tenue malinconia sedata solo da un antico ninnolo cantore @Silvia De Angelis 2018 Video della poesia “Tenue malinconia”

INAZZURRATO CIELO

Spolettano emotivi frastuoni ornati di sonanti gingilli su dite accese di surreale senso ascetico Tracimano promesse di buonismo colme di cromatiche sillabe per un’iperbole di nuova sacralità Fasciano vertebre in cammino per inazzurato cielo Donano un consono motivo di pace a quel disavanzo d’umanità che ara nel tempo campi di guerra @Silvia De Angelis

A T T I M O

  Annuso dolcezza nella gestualità di membra eccitate… stupore, affanno essenza affogata nell’umore che sfocia alla mercè di te @Silvia De Angelis 2018

MALMOSTOSA

Esiste un trapassato che intessuto s’evolve nell’oggi attorno a un centro di screziati lampi Muovono veloci fughe d’un sentore disagiato conscio d’una assoluta caducità dell’attimo “confine sconfinato” d’una ruga che s’adagia malmostosa @Silvia De Angelis 2018

A P I C E

Dondolo lievemente sull’incorporeo rumore della notte indagando su morbide lagune del pensiero Traggo dolci matrici giovanili dipinte di platonici petali antagonisti d’un ardente apice sensuale levigato di maturità amorosa @Silvia De Angelis 2014  

CONTROCORRENTE

Antagonista nel tempo ama meditare contrapposta scelta Sgattaiola nella via traversa in quell’ambito traguardo di verdi chiome e spighe odorose… Nel sorso prelibato pregusta l’opzione alternativa enfatizzata da un lemma solitario di sole @Silvia De Angelis 2011