SUSSULTO MISTERIOSO

Tessiture incolte di liberi pensierinel simbolo del tempoIngoia riverberi di vissutoche attendono il planare d’un sussulto incognitonella mossa del tendine pronto a inarcarsi E’ lì che inizia il sognoin uno slancio prolungato d’artificimordono battiti nell’anima indomataove più vibra la proiezione d’una curvanella linea discontinuaTraccia l’esiguo d’una foglia d’autunnosoggiacente ad un lieve dondolìonell’esito caduco agile a…

SULLA CODA D’UN SOGNO

Scocca un barbaglio di luce nel frammentario diluirsi della notte mentre dita pensose immerse sulla coda d’un sogno individuano il nesso di velature d’eco assorte in un ombelico onirico Andare ora contromano nell’etica diversificata d’alba che non faccia baccano su sterili foglie accartocciate nel vicolo nascosto tralasciato dal vento @Silvia De Angelis

T E M A

Appoggiata sulla piega della vita centellino le mosse del suo impasto Formule inventate e scene d’impazzata per star dietro a strane logiche su trama d’un canovaccio E in un frinire d’attimi dispersi in un’ancora di vento si piega il mio volere anche se non compiaciuto a quell’ardito tema @Silvia De Angelis

NOTTE INSONNE

S’assommano nei gemiti d’inchiostro quegli attriti sillabati che tendono la fune nell’antro in collisione con ciuffi d’arcobaleno E nel giaciglio reso gelido da enigmi attorcigliati si rimodella un dolce squarcio che smerigli informi inclinature lasciando alla deriva il guado indemoniato @Silvia De Angelis

PREDESTINATO

Nella presunzione di poter immergere le dita nel nostro cielo definendone i contorni costruiamo geometriche cattedrali marcando disegni e congrue linee nell’entroterra  d’una realtà che vive in noi. Si sbriciolano spesso  profetici voli per il veto d’una volontà ferrea invisibile e decisa. Inasprisce chimere variopinte nel vanto di gestire un cosmo alieno ove radici lasceranno…

MARE SENZ’ACQUA

Nel muto attimo vissuto in cerchi d’acqua che s’infrangono ho capito che l’assenza dell’essenza che ti riguarda albeggia insistente sul sogno senza voce interprete del mio giorno Nella pantomima del vivere fragili battiti di farfalla sfiorano la pelle inaridita di gramigna di solitudine linea specchiata a rovescio d’un mare senz’acqua @Silvia De Angelis

NOTTE INSONNE

S’assommano nei gemiti d’inchiostro quegli attriti sillabati che tendono la fune nell’antro in collisione a ciuffi d’arcobaleno E nel giaciglio reso gelido da enigmi attorcigliati si rimodella un dolce squarcio che smerigli informi inclinature lasciando alla deriva il guado indemoniato @Silvia De Angelis

PENSIERO SONNAMBULO

Vertebre assottigliate nel presagio d’un andare argilloso Eppur nell’esca docile d’un motivo convincente si riequilibra l’emotività scoccando agile freccia dall’arco Mormora una saggia risalita nel tagliare l’aria stremata dalla densità di premesse bugiarde intinte nella fatalità d’un pensiero sonnambulo @Silvia De Angelis

L’IMPORTANZA

Essenziale nella vertigine emotiva d’un appiglio di luce frantuma oscuri lidi di gelo come un abbraccio ricalca semicerchi d’effervescenza sciogliendo antiche funi annodate… non più si tendono la presa ammorbidita gioca leggera@Silvia  De Angelis

FORZA EMOTIVA

Contemporaneità d’attesa e d’assillo imbavagliano olezzanti insegne primaverili E’ un proiettile tenuto nel segreto a centrare un serbatoio insano proposto dalla vita per sondare l’ampiezza sonora d’un frastuono di forza emotiva @Silvia De Angelis

LUNA DI VENERE

S’adombra la tana del pensiero scalfita da un metronomo battente tonfi di malinconia. La morbidezza d’antichi fiori di loto posati su fianchi dediti a soporosi effluvi d’amore assume ora la tonalità d’una disfatta trepidante moti di luce arrampicati sul fragile intonaco d’una sorniona luna di venere @Silvia De Angelis

IMPRENDIBILE PENSIERO

Imprendibile un pensiero lieve in sospensione sul boccio d’un’accesa primula. Inesplorato su  postura sensuosa vive in miraggio baci di vernice. Sparpagliato su un far d’oceano costellato da agile cormorano. sogna l’impeto di sopravvivenza rivolto a più richiami. Muti nell’oltre lascia costernato il passo alla deriva smorzato nell’eco del suo rimpianto @Silvia De Angelis 2020

EFFIMERE LUSINGHE

Trine di smeraldi sull’onda sfiorata da schiume coinvolgenti. Mormorano sulla gestualità d’occhi sognanti sete leggiadre che scostino la vernice del sole da granelli e minuscoli fossili. La visualità d’uno stralcio d’orizzonte racchiude innesti e pastosità  vissute fermate dal bacio umido d’una folata di vento nettare errante d’una vertigine scivolata  su sponde parlanti riempite d’effimere lusinghe….

ORME DI CALEIDOSCOPIO

Regole in bilico sull’inganno d’un rivolo egoistico sorseggiano apnee plasmate in un limbo di fragili fiati. Traballano autentiche verità su anomala onda d’oceano celata alla curiosità dello sguardo. Replica orme di caleidoscopio in un arguto gioco d’asimmetrici frammenti che azzittisca il dolo… @Silvia De Angelis 2020

GLI E-BOOK

Scrivere un e-book, ha rappresentato, per me, una splendida emozione. Infatti al di là, di pubblicazioni di testi vari, sul proprio blog, l’e-book racchiude un particolare fascino intinto nella scelta oculata dei brani, che in genere sono orientati sul medesimo argomento. Anche la scelta delle illustrazioni diventa  attenta, infatti si prenderanno delle immagini piuttosto omogenee,…

A MOMENT

Un’entità nascente nel sobborgo ammainato alla tristezza veste di nuovo un niente ombroso sull’anelito d’un sogno. Affiorano remoti e adolescenti mormorii su linea frantumata da un afono silenzio. Si posa su zigomi vogliosi d’un incanto che affiori da una vivida comparsa d’amore trattenuta nella replica d’una trascinante lusinga che attraversi lo stupore d’una coreografia fuggente…

INGENUITY ON TATTOO

Semi decadenti nel sembiante del tempo privo di euforia nella vertigine allineata a un circuito statico. Non sognano altopiani e correnti lunari soffi esaltanti da respirare. Il corso emaciato della vita impone un torpore nel profondo oltre una consuetudine che suggelli meraviglia sul disegno d ‘un tatuaggio che levighi ingegni da rubare il fiato…. @Silvia…

BREVITA’

Preziosa brevità sintetica dote da amare nel saggio e nel dialogo. Mormorano di tracce e dilemmi slegati d’un manto d’universo. Nel vortice de’ sensi la piccolezza corteggia la virtù di quel rettilineo nella misura d’un accessibile verso. Nel confine d’un esteso plagio si infagottano parole e significati artigliati da confusi caroselli scalfenti l’armonia d’un albore…

SUONI D’AMORE

L’effluvio di un’emozione cattura il viola disperso nella visione menzognera d’un amore effimero spettatore di sussulti ormeggiati sulle rive mentre il suono dell’acqua si fa forte. Si discostano insenature dai cardini della pelle nell’orizzonte d‘una stagione cupa dentro le vene levigate di sospiri e alchimie d’amore sbriciolate scampate alla deriva d’un tempestoso ardire. Si ripropongono…

FERITE

Sanno emettere gemiti le ferite chiuse… nello schiudere un fruscio banale che ampli il suo rumore fino a stordire tempie quasi indifferenti.. E allora un impeto invadente s’insinua a forza nelle coronarie boicottando quella serenità forzata di fragile levatura per scrollarne l’effimero indosso… S’ingrandiscono le intemperie accantonate portando il loro astio nella guglia quasi stordita…

ENFASI CREPUSCOLARE

Quel dolce richiamo d’amore ch’ho rincorso inutilmente in passi saggi  azzerati dal tempo vulnerabile ancora congestiona i miei battiti al flamenco. Fiaccati dal trasporto quasi sonnambulo d’una motivazione che  fu spenta ora cammino a vanvera nei vicoli di pietra alla ricerca d’un vortice desueto che superi la scia d’una cometa per donare nuova luce a…

ER TEVERE

Svicola drento l’argini arti er Tevere. Ner tempo che fu cullò ‘a cesta co’ li du’ gemelli, avi de’ ‘a capitale. L’acque der fiume ereno er furcro de’ ‘a comunicazione ar tempo de’ ‘a Roma bella. Oggi quer fiume si t’acchiappa ‘o sguardo te rigala ‘n manto de serenità attorniato dall’indimenticabbili scorci e rocce dell’isola…

SPONTANEITA’

Dietro un ricorrente miraggio d’enigmatiche fate si cela quella parte aliena desiosa d’un far genuino. Posa lo sguardo su vetro opaco scostando l’ombra avida d’un gioco delle parti. Si mischiano a evoluzioni di mani sul bavero colorato lasciando scivolare un tocco inedito  di spontaneità sullo scalpitio d’un bacio distillato a un freddo adagio @Silvia De…

IL NULLA IMPERANTE

In quell’andar di vita dopo… smorzato da un miraggio di realtà pongo osservazioni e disincanti su un nulla imperante nell’estasi d’anni luce. Oggetti e aggettivi combinati tra loro in arcani linguaggi lasciano sottintendere cadenze ataviche e messaggi d’eternità ideali rigurdanti mete di trapassati fiati…. @Silvia De Angelis 2020

FRA LUCE E NON

Sottili stornelli quasi svociati appoggiati a un encomio di vento pigro sigillano l’atmosfera d’un’estate ormai esausta. Rintocchi di sbiaditi marroni prendono corposa consistenza sui saturi verdi per impreziosire sospiri a mezz’aria d’un avido autunno. Forse offuscato nella sopita intelaiatura di tenui colori apre inaspettatamente un emotivo idillio di rossi nascituri estroso vezzo d’esserci fra luce…

IN SOGNO

Rimugina nelle movenze silenziose del vedere in sogno quel desiderio indigeno dalle sfumature color rubino. Solista nello sfondo imprendibile d’un’emozione timoneggia un amplesso dolcissimo incurante dei dintorni sbigottiti per quel ritmico vibrare d’aura al di là d’ occhi dispersi in un tacito assenso vaporoso… @Silvia De Angelis

INCOMPRENSIONE

Nel vociare assiduo tra due diversi s’espande e si contrae il torace su dissimili argomenti. Agguantano le menti parabole e lucide tensioni nel flusso d’effetti contrapposti. E in quei nodi sempre più stretti difficili da districare nel fermento nasce accigliato un silenzio arrugginito contorto nei fili spinati d’ incomprensione @Silvia De Angelis2020

GRAZIE A TUTTI

Il tuo blog, quandolamentesisveste, sembra avere più traffico del solito. 40 visite all’ora, 1 visite all’ora in media Un picco nelle tue statistiche

FESSURA DEL PENSIERO

Calcano a dismisura matrici affettive in quel lasso di tempo che distanzia la parabola dello sguardo. E un tuffo al cuore risveglia la monotonia del presente quando nel nido vociferano percezioni care. Veicolano soffici certezze al di fuori d’insipide ipnosi del dì plasmato d’un morbido sciame impigliato nella fessura del pensiero. @Silvia De Angelis

DELICATEZZA

Gioco effimero d’addolciti occhi. Sentimento invisibile quasi nel fluire d’un tocco motivato, essenziale e setoso : delicatezza. Oltre il sublime si spinge quest’astrazione in impercettibili respiri, vaghi come un lampo di silenzio capace sfiorare come un soffio la mente esule da un punto segnato della vita ove infinito non si realizzi… @Silvia De Angelis 2020

L’AMMENDA

Media il tempo equi parametri d’esistenza. Quando ciglia spente addobbate di vecchiaia perdano il turgore d’un rituale fascinoso l’ingombrante mentore di giorni a muso duro chiede assoluto silenzio sul dolore di vertebre piegate quale sensata ammenda d’umore dolce amaro. @Silvia De Angelis2019

LA LINEA DELL’AMORE

Si insinua nella competenza dell’impressione denudata a fondo la fragilità dell’uomo nel suo amare inappetente d’un tempo che assommi orgasmi assai lontani dal nascere d’un sentimento mero Avidi ronzii e aneliti brulicanti  panico soggiogano barricate astratte che si fan solido corpo nell’attenzione a rendere invisibile la linea dell’amore @Silvia De Angelis Video della poesia “La…

L’ILLUSIONE

Annodata alla fune del pensiero costruisce immensità. Illusione coloratissima di balocchi e perfezione corre sul far del giorno lasciando allunare alba e tramonto su fantomatico respiro d’universo… Silvia De Angelis 2019

DIVENTO…

Divento odore di germoglio in quel fiato labile di vento peregrino di primavera Dentro un soffio melato muovo dita d’aria tracciando un’iperbole d’amore Sfiora il vertice raddolcito d’azzurro discostata da un sofisma menzognero in agguato dietro il senno @Silvia De Angelis

EMOZIONI DEL FUTURO

Lievemente dissimula le tinte dell’attimo quel salto di tempo dell’esistere Assottiglia il vortice d’un’emozione resasi quasi piana al riflesso del turchino affranto dalla malìa d’un sole irriverente mentre silenzioso diserta il manto d’alchimie vissute @Silvia De Angelis 2014

ER SOGNO

  E quanno er zole nun riesce più a scardatte perché er gelo de ‘a notte t’ha acchiappato l’anima te giri e te rigiri su te stesso pe’trovà ‘na soluzzione che te ridia er soriso A dì ‘a verità quanno te guardi ‘ntorno so’ poche ‘e cose che te riaggiusteno er cervello ma tu capoccione…

PENZIERO

So’ piccoli li fiori ch’aritrovi su’n praticello de’ ‘na strada quarziasi, ma niscondino a josa ‘a forza d’a natura che se nun je rompi li cojoni sa bene ‘n’do annà a parà… @Silvia De Angelis PENSIERO (traduzione) Sono piccoli i fiori che trovi in un praticello d’una strada qualsiasi ma nascondono a iosa la forza…

Gioielli Rubati 92: Laura Lomù – Felice Serino – Silvia De Angelis – Leopoldo Attolico – Massimo Sannelli – Frankie Fancello – Gisella Canzian – Marcello Comitini.

Originally posted on almerighi:
– Hai un bel sorriso (Mi guardava le tette) – E tu grandi occhi cadenti. (Piccole vendette) – Davvero, dicevo… (Non guardava più e arrossiva) – Poco male. Cadranno anche le tette, ma intanto vado. (Il mio seno partiva) – Sei una donna piena d’ironia. (Sorrideva) – E’ per gravità che…

L’INTUIZIONE

Partorisce dentro una patina ambigua quel sesto senso nei dintorni dell’intuizione. Ne rafforza il corpo delineato in quell’aritmia sottile d’un immaginoso costante che si consumi lentamente come il moccolo d’una candela nel raccorciare lo stelo… quando a conclusione s’intraveda un cumulo malforme di cera capace infiocchettare gli smerli del pensiero… @Silvia De Angelis